fbpx
  • Lun-Ven: 8:00 - 12:00 / 15:00 - 19:00

Stanchezza primaverile? Ecco come affrontare il cambio di stagione

Parliamo di quel tipico senso di spossatezza e svogliatezza che ci accompagna con l’arrivo della bella stagione, influenzato inevitabilmente dal nostro stile di vita e dall’alimentazione.

Sono Francesco Norcini, consulente del Benessere e della Nutrizione, ed oggi ti parlerò dei tipici segnali della stanchezza primaverile e di come possiamo affrontarli al meglio, non solo riducendo le tempistiche dei loro effetti, ma massimizzando il potere di questo periodo.

Alcuni studi scientifici dimostrano che c’è uno stretto legame fra le condizioni meteorologiche e processi fisiologici che governano il nostro organismo, non per niente è nato il detto: “Aprile dolce dormire”.

In questa fase di assestamento, il nostro fisico deve fare i conti con l’instabilità climatica e gli sbalzi di temperatura tipica di questi mesi, si ritrova infatti a dover passare velocemente da alte temperature diurne a quelle notturne ancora semi-invernali.

Tutto questo processo implica un grosso dispendio di energie e un conseguente calo delle difese immunitarie (che colpisce soprattutto chi soffre di allergie o di carenze vitaminiche).

A livello naturale, inoltre, stiamo uscendo da un periodo invernale di “riposo”, in cui primordialmente il nostro corpo ha usato le riserve di grasso accumulate durante l’autunno per attraversare un periodo in cui sia la cacciagione che i raccolti sono stati esigui.

Nella nostra realtà, ovviamente, questo non avviene più, ma se leggi questo blog da sufficiente tempo o hai fatto un percorso di consulenza con me, avresti attraversato una stagione invernale con una dieta dedicata a questo periodo e avresti notato, ad esempio, la totale assenza di frutta.

Per quanto ci siamo evoluti e siamo oggi in grado di garantirci lo stesso apporto di cibo tutto l’anno, il nostro corpo e il nostro metabolismo segue ancora quelli che sono i ritmi naturali dettati dalle stagioni, che ovviamente vengono influenzati anche dal clima in cui viviamo.

Quindi immagina con me dove, escludendo tutti i supermercati e le scoperte degli ultimi secoli, ci troveremmo in questo periodo.

La primavera è la stagione in cui tutto fiorisce e gli animali si riproducono.

La neve dell’inverno o le gelate via via spariscono e le attività legate alla sopravvivenza riprendono piano piano a pieno regime.

In questo periodo dell’anno il nostro corpo ci metterebbe in moto con le giuste “voglie” e le giuste energie, spronandoci nuovamente a soddisfare una fame che si fa sentire dopo l’inverno e che deve darci la forza per affrontare di nuovo una vita frenetica fatta di caccia e lavori manuali sempre più intensi.

Ovviamente le giornate si allungano, e nel nostro paese stiamo arrivando alle 12/13 ore di luce al giorno, il che ci spinge sempre di più a uscire dai nostri ripari volentieri per dedicarci alle nostre attività.

Oggi come oggi, però, la voglia di uscire all’aperto, fare camminate, sport o anche solo affrontare una giornata lavorativa, deve fare i conti con questi sintomi: problemi di insonnia, difficoltà a concentrarsi, mal di testa, sbalzi d’umore ed un senso di stanchezza generale.

Questo perché ovviamente non siamo arrivati a questo punto dell’anno con la giusta preparazione, abbiamo continuato ad alimentarci senza alcun ritegno per tutto l’inverno, anzi, magari in qualche occasione abbiamo sfogato lo stress della brutta stagione proprio sul cibo.

La frutta non è mai mancata, e pensando di fare una cosa giusta e sana abbiamo somministrato al nostro corpo una dose di zuccheri che in inverno non è minimamente pronto a sopportare.

Questo ci porta ad affrontare una stagione particolarmente impegnativa per il nostro corpo nel peggiore dei modi e in una condizione pessima.

Ma guardiamo un attimo il lato positivo della questione, perché in qualsiasi momento si può iniziare un periodo di disintossicazione e oltre a questo, passato lo schock iniziale e il cambio orario, che ci genera qualche grana nel ritmo sonno veglia, siamo in un periodo dove il nostro metabolismo riprende vita ed è quindi in grado di supportarci in un’attività più intensa di quella invernale.

Ovviamente un’alimentazione sana e ricca di nutrienti, unita all’esercizio fisico soprattutto se puoi godere della luce del sole primaverile, è il metodo più indicato per riacquistare energia e sfruttare tutta la primavera per prepararti ad un estate esplosiva, dove letteralmente potrai dare il massimo di te stesso.

Però attenzione, perché è importante che tu non cada nelle tante trappole che si presentano in questo periodo.

 

 

COME PREPARARSI QUINDI DURANTE LA PRIMAVERA?

 

 

La frutta non è più da evitare ma è necessario approfondire un attimo la questione.

Ovviamente partiamo dal presupposto che l’unica frutta da prendere in considerazione è quella di stagione.

Dobbiamo però prestare attenzione al fatto che la frutta è ricchissima di zuccheri, elemento da tenere in considerazione se il tuo obiettivo è perdere peso o se hai problemi di glicemia, dolori articolari o altre problematiche.

Se decidi di consumarla fallo al mattino, facendo attenzione a cosa mangi a pranzo.

Non abbinare mai la frutta con cereali o legumi, in quanto l’incontro tra fruttosio e l’amido creerà inevitabilmente fermentazione intestinale che ti farà sentire come un pallone.

Mangiarla a colazione, inoltre, ci permette di avere a disposizione tutta la giornata per utilizzare quegli zuccheri ed espellere le tossine tramite la sudorazione.

Scordati della frutta a fine pasto o della merenda a metà pomeriggio a base di frutta, visto che più andiamo avanti con la giornata, meno abbiamo bisogno di zuccheri per le nostre attività.

E altra cosa da bandire è la MACEDONIA.

Lo so che con i primi caldi e le belle giornate già la tua mente va alle belle macedonie di frutta, ma mi dispiace dirti che l’abbinamento di zuccheri diversi tra loro è una bomba per il tuo intestino in quanto genera una fermentazione pazzesca.

E infine, testa su te stesso/a ogni singolo frutto. Mal di testa, stomaco, afte o problemi al cavo orale e gonfiore sono sintomo di intolleranza verso quel frutto.

Ovviamente la voglia di uscire è un bel richiamo naturale, ed è arrivato il momento di integrare della sana attività fisica alle tue giornate.

Questa abitudine aiuta sia a smaltire lo stress accumulato sia a eliminare le tossine eventualmente accumulate durante l’inverno.

Ricordiamoci che il grasso è come un ghiacciaio. Pian piano che si scioglie rilascia sassi e ghiaia che vanno verso valle. La ghiaia ed i sassi corrispondono alle tossine che con lo scioglimento del grasso tornano in circolo nel nostro corpo.

Se riusciamo a smaltirle con la sudorazione riusciamo ad evitare che vadano ad infiammare in qualche modo il nostro corpo creandoci qualche problema.

E per concludere, ci stiamo avviando verso l’estate e il nostro corpo richiede via via maggiore idratazione.

Quindi, rispetto ai consigli per l’inverno, è arrivato il momento di dimenticare la frutta secca e se vuoi la soluzione per una merenda ideale in questo periodo, scegli un bel gambo di sedano, un finocchio o una carota che contengono pochi zuccheri ma tantissima acqua e tantissime fibre, vitamine e sali minerali.

E se pensi che la frutta faccia bene perché idrata e contiene tanti sali minerali… beh, sappi che la verdura, cruda, ne contiene moltissimi di più con un apporto bassissimo di zuccheri e altissimo di fibre. Tutto quello che ti serve per prepararti ad affrontare la prova costume nella miglior forma possibile!

Se vuoi iniziare un percorso insieme a me per ritornare in salute mangiando, contatta il mio team tramite la live chat e riceverai tutte le informazioni di cui hai bisogno.

 

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">HTML</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

SCARICA ORA L'EBOOK
COME PERDERE PESO

continuando solo a mangiare

DOWNLOAD
Scritto dal Dr Francesco Norcini, consulente alimentare.
close-link
Iscriviti alla newsletter
ISCRIVITI!

ASPETTA!
Non perdere l'occasione

Rimani in contatto con me per consigli utili sull'alimentazione e sugli effetti benefici che può avere sul tuo fisico e sul tuo umore.
close-link
Compila il form qui sotto:
ISCRIVITI!

NEWSLETTER SETTIMANALE

Rimani in contatto con me per consigli utili sull'alimentazione e sugli effetti benefici che può avere sul tuo fisico e sul tuo umore.
close-link