fbpx

Ciao, sono Francesco Norcini, consulente della nutrizione e dottore in scienze della nutrizione.

Oggi voglio parlarti di latte, vitamina D e osteoporosi, argomenti su cui sono nate vere e proprie leggende.

Una di queste, riguardante il latte, è quella secondo la quale questo alimento e i suoi derivati, fanno bene alle ossa in quanto contengono calcio.

Addirittura vengono spesso consigliati ai bambini, per la loro crescita, e agli adulti per prevenire l’osteoporosi.

Purtroppo, come dimostrato anche dalla scienza e dalla medicina, la realtà è diversa.

Bicchiere di latteQuando parliamo di latte e suoi derivati siamo indubbiamente di fronte ad alimenti con ottime quantità di calcio.

Al contempo sappiamo anche che una delle principali cause della perdita di calcio è l’acidosi e il latte è un alimento altamente acidificante.

Quando nel nostro organismo aumenta l’acidità, il nostro corpo preleva Calcio dalle sue riserve, che guada caso, sono proprio ossa, denti e cartilagini.

Questo avviene in quanto il calcio è un elemento basico, che riesce dunque a contenere il processo di acidificazione.

In poche parole, il calcio che si perde a causa dell’acidità provocata dai latticini è superiore a quello che viene integrato.

Si avrà dunque un bilancio negativo sull’apporto di calcio.

Ad avvalorare questa conoscenza vi è la pura statistica, se consideriamo, infatti, l’incidenza di osteoporosi sulla popolazione, notiamo come in paesi dove il consumo di latte e latticini è basso i casi di osteoporosi sono pochi, mentre dove si consumano latticini in quantità, l’osteoporosi è molto più presente.

Per garantire un adeguato apporto di calcio, quindi, non è sufficiente pensare di mangiare alimenti ricchi di questo elemento, ma è importante anche limitare l’uso di alimenti che per il loro smaltimento richiedono calcio al nostro corpo, così come le proteine del latte.

 

Cosa fare per prevenire l’osteoporosi?

Possiamo evidenziare 3 abitudini fondamentali per la prevenzione dell’osteoporosi:

ESPOSIZIONE AL SOLEL'esposizione al sole aiuta a sintentizzare vitamina D

L’esposizione ai raggi solari permette al nostro organismo di accumulare vitamina D, fattore importantissimo per prevenire l’osteoporosi in quanto si tratta della vitamina in grado di traghettare il calcio.

La vitamina D è composta da 2 “varianti”, D2 e D3, rispettivamente “ergocarciferolo”, che viene assunto con il cibo e “colecalciferolo”, che viene sintetizzato dal nostro organismo proprio grazie, come già detto, all’esposizione della pelle ai raggi solari.

La vitamina D è un regolatore di metabolismo del calcio e per questo motivo è fondamentale nell’azione di calcificazione delle ossa.

Contribuisce a mantenere nella norma i livelli di calcio e di fosforo nel sangue.

Purtroppo, questa vitamina, è scarsamente presente negli alimenti, la troviamo, infatti, in alcuni pesci grassi, nel latte e nei suoi derivati che però abbiamo già visto non produrre un risultato positivo in questo senso, nelle uova, nel fegato e nelle verdure verdi.

Unica eccezione è data dall’olio di fegato di merluzzo, che ne contiene una grande quantità.

Una carenza di vitamina D incide negativamente sulla calcificazione delle ossa con effetti che variano dal rachitismo nei bambini, alla deformazione ossea, fino ad arrivare all’osteomalacia, ossia una patologia che interessa l’interno delle ossa, che presenteranno una struttura esterna integra ma insufficiente materiale minerale all’interno.

Oltre a questo anche i denti saranno più deboli e di conseguenza più vulnerabili alle carie.

 

MOVIMENTO FISICO

Un’abitudine difficile da sostituire per i benefici che apporta sul nostro organismo.

Un regolare esercizio fisico è in grado di aumentare la massa ossea sia in soggetti con densità ossea normale, sia in coloro che soffrono di osteopenia od osteoporosi.

Di conseguenza è in grado di ridurre il rischio di fratture dovute a traumi minori.

L’attività fisica è efficace anche nel ridurre il consumo di analgesici e in generale di migliorare la qualità della vita.

Oltre a questo, aumenta l’abilità funzionale nelle attività di tutti i giorni, migliorando equilibrio, riflessi e tono muscolare.

Durante l’età dello sviluppo è essenziale per raggiungere un livello di massa ossea elevato, che riduce il rischio di sviluppare l’osteoporosi in età avanzata.

Ovviamente, in presenza di osteoporosi, è importante evitare tutte le attività che potrebbero causare traumi a livello osseo o che ne sovraccarichino le strutture come, per esempio, lo sci, i pesi o il tennis.

Camminare, fare le scale, fare ginnastica a corpo libero e ballare, invece, sono esempi di attività motorie ideali per chi soffre di osteoporosi.

 

DIETA BILANCIATA

Per concludere con la terza e ultima abitudine positiva per prevenire l’osteoporosi vediamo invece come agire sull’alimentazione.

Ovviamente alla base di tutto è bene mettere una dieta equilibrata e adatta al proprio organismo.

È fondamentale assumere molte verdure e assumere alimenti alternativi al latte e ricchi di Calcio.

In questo senso possono aiutarci semi oleosi, come i semi di sesamo, mandorle e pinoli, i legumi e le crucifere, quindi cavolfiore, broccoli, cavolo cappuccio, broccoletti e rucola e olite, agretti, cicoria, salvia, rosmarino e basilico.

 

Conclusioni

Siamo di fronte ad un altro grande esempio di come conoscere in maniera un po’ più approfondita un alimento possa letteralmente salvarci la vita.

I problemi dovuti ad un’alimentazione non corretta, spesso, si verificano in età avanzata, senza darci la possibilità di capire che ci stiamo condannando ad un vecchiaia accompagnata da malattie e patologie che avremmo potuto prevenire.

Il mondo è pieno di persone che discutono sul fatto se il latte contenga o meno calcio, quando la verità non riguarda il calcio ma il modo in cui il latte e i suoi derivati vengono trattati e smaltiti dal nostro organismo.

Abbiamo un corpo in grado di far fronte alla maggior parte degli errori che commettiamo, il nostro organismo è una macchina stupenda, al contempo non può vivere a lungo se gli errori che facciamo sono ripetitivi e continui.

Uno studio ha addirittura dimostrato come le cellule del nostro corpo non invecchino se inserite in un ambiente ideale.

In parole povere questo significa che se noi riuscissimo a ricreare quell’ambiente ideale saremmo in grado di vivere per sempre.

Invece viviamo in una società nella quale abbiamo inserito stress, cattive abitudini e vizi che continuamente minano la nostra salute.

Tutti i Clienti che seguo, con il mio lavoro, letteralmente rinascono mangiano in quantità ciò che il loro organismo gli richiede, non si tratta solo di perdere peso, ma di energia vitale vera e propria.

Il cibo è in grado di modificare i tuoi pensieri, il tuo umore, è letteralmente la benzina con la quale ti alimenti per vivere ogni giorno, come puoi pensare di non dedicare la massima attenzione a questo aspetto?

Siamo abituati a sentir parlare di prova costume, come la motivazione che muove molti, in primavera, a voler tornare in forma, cosa faresti se anziché la prova costume avessi l’opportunità di andare avanti nel tempo per vedere come stai, e scoprire che dopo 20 anni, magari, non sei neanche più vivo, perché il fumo ti ha causato un cancro ai polmoni, o perché la colazione con il latte e biscotti che eri abituato a fare ti ha generato l’osteoporosi cambiando radicalmente le tue possibilità e il tuo stile di vita?

Siamo abituati a rimandare ogni giorno qualcosa, abbiamo socialmente imparato ad allontanare la morte da noi, l’abbiamo relegata ai cimiteri fuori dai centri abitati e sembra che ci siamo dimenticati che non siamo eterni.

Iniziare oggi a prendersi cura del proprio corpo è un atto di stima e di cura nei propri confronti, non in chi ci vedrà in costume sulla spiaggia la prossima estate, e grazie al lavoro che svolgo io e tantissimi altri colleghi in tutto il mondo, è anche facile.

Non c’è niente che ti vieta di approfondire questo argomento oggi stesso se non la volontà di stare meglio o la volontà di ammalarsi…e nessun essere umano è sufficientemente sciocco da scegliere qualcosa che lo fa ammalare, quindi se non l’hai ancora fatto e hai letto fino a qui, chiedi maggiori informazioni.

Se vuoi iniziare un percorso insieme a me per ritornare in salute mangiando, contatta il mio team tramite la live chat e riceverai tutte le informazioni di cui hai bisogno.

 

 

Qui invece trovi un mio video Youtube inerente all’argomento:

One Reply to “Latte, vitamina D ed osteoporosi”

  1. Nell’articolo si parla prevalentemente di vit d in relazione all’osteoporosi . Sarebbe interessante fare qualche riferimento a tutti i processi cellulari in cui entra la vita d . È tutto vero quello detto per il latte . Aggiungo che l’uomo è il solo mammifero a farne uso alimentare

Rispondi a salvatore russo Annulla risposta

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">HTML</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

SCARICA ORA L'EBOOK
COME PERDERE PESO

continuando solo a mangiare

DOWNLOAD
Scritto dal Dr Francesco Norcini, consulente alimentare.
close-link
Iscriviti alla newsletter
ISCRIVITI!

ASPETTA!
Non perdere l'occasione

Rimani in contatto con me per consigli utili sull'alimentazione e sugli effetti benefici che può avere sul tuo fisico e sul tuo umore.
close-link
Compila il form qui sotto:
ISCRIVITI!

NEWSLETTER SETTIMANALE

Rimani in contatto con me per consigli utili sull'alimentazione e sugli effetti benefici che può avere sul tuo fisico e sul tuo umore.
close-link