fbpx

Cos’è il Cardias?

 

Malattia da Reflusso Gastroesofageo - MRGE: Definizione, Cause, Sintomi

 

Definiamo cardias o cardia lo sfintere funzionale posto a livello della giunzione gastroesofagea.
La sua funzione è quella di agire come valvola unidirezionale che si apre all’arrivo di un’onda peristaltica proveniente dall’esofago per fare entrare il bolo alimentare nello stomaco impedendo la risalita del contenuto gastrico nel condotto esofageo.

In casi particolari onde peristaltiche retrograde dallo stomaco o addirittura dal duodeno sospingono il contenuto gastrico verso la cavità orale come nel caso del vomito.
Anche nell’eruttazione i gas in eccesso della bolla gastrica vengono scaricati all’esterno.


Piccoli rigurgiti di chimo gastrico dallo stomaco all’esofago possono verificarsi normalmente alla fine del pasto.
Ma a parte questi casi particolari lo sfintere cardiale normalmente impedisce al succo gastrico caratterizzato da un ph estremamente acido e da un ricco contenuto enzimatico molto corrosivo di venire a contatto con la mucosa esofagea assolutamente sprovvista di meccanismi di difesa e quindi non attrezzata a resistere a queste aggressioni chimico-enzimatiche.

Quando il reflusso del chimo acido dallo stomaco all’esofago si verifica frequentemente e con caratteri di particolare gravità si parla di malattia del reflusso gastroesofageo.
Sintomi tipici della malattia da reflusso gastroesofageo: pirosi (bruciore) retrosternale, rigurgito amaro o acido in bocca, gastrite, laringite, tosse, raucedine, singhiozzo e in un numero limitati di casi lesioni nella parte inferiore dell’esofago.

 

Quali sintomi provoca il Cardias incontinente?

Incontinenza cardiale: dieta e intervento | Magazine Amioagio.it
Il dolore toracico simile a quello di origine cardiaca, cosi come le extrasistoli e la tachicardia, non devono assolutamente preoccupare per quanto riguarda la salute del cuore.

Quando si sviluppa l’incontinenza del cardias si intende una situazione in cui tale sfintere non è più in grado di svolgere la sua funzione di valvola unidirezionale e quindi il contenuto gastrico come già si è detto refluisce nello stomaco provocando la cosiddetta esofagite da reflusso con erosione della mucosa esofagea derivante da contatto con i succhi acidi dello stomaco.

Le cause che possono provocare questi disturbi sono l’abuso di fans, la gravidanza per compressione meccanica sullo stomaco da parte dell’utero gravido, dieta incongrua, fumo di sigaretta dove la nicotina impedisce la normale contrazione dello sfintere cardiale, sdraiarsi subito dopo i pasti, alimenti o bevande irritanti, stipsi, abiti troppo stretti in vita che aumentano la pressione nella cavità addominale, farmaci gastrolesivi, antidepressivi, sovrappeso, aerofagia con frequenti eruttazioni, stress, antiacidi e inibitori della pompa presi troppo a lungo.

La terapia farmacologica non rappresenta la soluzione del problema i farmaci infatti funzionano nel breve termine ma nel lungo periodo è consigliabile assumere stili e abitudini alimentari più corretti evitando i comportamenti errati a cui si è accennato ed eventualmente dare la preferenza a terapie mediche naturali.

Per rendere meglio l’idea vi lascio una ricetta che non andrà ad incidere negativamente sul cardias ed aiuterà lo stomaco a compiere i suoi processi digestivi nel modo migliore possibile.

La ricetta che trovate qui di seguito è stata creata e realizzata da Diana ed Alessio, due miei cari amici. In fondo lascio il link del loro sito.

Questa ricetta non è però indicata a chiunque, bisognerebbe prima valutare la situazione del proprio stato infiammatorio e soprattutto se gli ingredienti in questione sono compatibili con il proprio sistema immunitario.

 

Articolo scritto in collaborazione con il Dott. Elio Gaeta

 

UNA GUSTOSA RICETTA PER AIUTARE IL TUO DIAFRAMMA

 

SPEZZATINO DI TACCHINO

 

INGREDIENTI

mezzo porro

1 gambo di sedano

2 carote

500 g coscia di tacchino

30 g farina di fave

salvia, rosmarino q.b

acqua q.b

olio vegetale q.b

sale q.b

 

PROCEDIMENTO

In una casseruola ho cotto mezzo porro tritato, 1 gambo di sedano tritato e 2 carote tagliate a rondelle. Ho fatto insaporire il tutto per un paio di minuti con un filo d’olio e mezzo bicchiere d’acqua.
Poi ho aggiunto 500 g di coscia di tacchino tagliata a pezzi, delle foglie di salvia e rosmarino ho fatto insaporire il tutto dopodiché ho aggiunto 1 bicchiere d’acqua e 30 g di farina di fave.
Ho aggiunto ancora un bicchiere d’acqua, del sale q.b e ho cotto per circa 30 minuti a fuoco dolce, se necessario aggiungete ancora dell’acqua durante la cottura.
Ecco pronto il nostro spezzatino!

Se vuoi iniziare un percorso insieme a me per ritornare in salute mangiando, contatta il mio team tramite la live chat e riceverai tutte le informazioni di cui hai bisogno.

 

 

Qui invece trovi un mio video Youtube inerente all’argomento:

 

SCARICA ORA L'EBOOK
COME PERDERE PESO

continuando solo a mangiare

DOWNLOAD
Scritto dal Dr Francesco Norcini, consulente alimentare.
close-link
Iscriviti alla newsletter
ISCRIVITI!

ASPETTA!
Non perdere l'occasione

Rimani in contatto con me per consigli utili sull'alimentazione e sugli effetti benefici che può avere sul tuo fisico e sul tuo umore.
close-link
Compila il form qui sotto:
ISCRIVITI!

NEWSLETTER SETTIMANALE

Rimani in contatto con me per consigli utili sull'alimentazione e sugli effetti benefici che può avere sul tuo fisico e sul tuo umore.
close-link